Luca Sapio & The Dark Shadows

Project Description

Ogni giorno può essere il giorno giusto,il giorno che tutti stiamo aspettando, quello del cambiamento

Fidatevi una cosa è certa: Luca Sapio è un sincero e profondo appassionato di musica soul, specialmente di quello che arriva dritto dal cuore.

Arriva sul palco del nostro Diz dopo aver trascorso grande parte della sua vita lavorando, cantando e viaggiando attraverso gli Stati Uniti D’America, portando con se il disagio di essere uno straniero in una terra straniera. Tonnellate di classici dischi di soul music ascoltati dal giradischi di suo padre lo hanno aiutato a superare numerose difficoltà come non avere un permesso di soggiorno ed un lavoro sicuro.

‘EVERYDAY IS GONNA BE THE DAY’ è il suo secondo disco.  L’album arriva a due anni di distanza dal disco d’esordio “Who Knows” che l’ha portato ad esibirsi in una serie di concerti tutti sold out in Austria, Svizzera e Germania e come guest star all’Harald Schmidt Show (lo storico show televisivo del sabato sera tedesco).

«La parola chiave è ancora una volta “LESS IS MORE” – racconta Luca Sapio – Niente orpelli, niente effetti speciali; solo le canzoni, che arrivano dritte al cuore dell’ascoltatore. Il messaggio in questi tempi bui è fortissimo “Ogni giorno può essere il giorno giusto”,il giorno che tutti stiamo aspettando, quello del cambiamento».

‘Everyday Is Gonna Be The Day’ (Label GMG distribuito da Goodfellas) è stato registrato tutto dal vivo ed in analogico  insieme alla sua band The Dark Shadows,  tra gli studi della Daptone e della Diamond Mine di New York e masterizzato dal Grammy Winner Brian Lucey nel Magic Garden Mastering di Los Angeles.

Prodotto e arrangiato, come il precedente ‘Who knows’, dal guru della soul music Thomas “TNT” Brenneck (l’uomo dietro il successo di Charles Bradley ed al fianco di artisti come Amy Whinehouse, Cee-Lo Green ed Erykah Badu, tra gli altri), ‘Everyday Is Gonna Be The Day’ è un disco nel quale le sonorità psichedeliche delle colonne sonore italiane degli anni 70’  si incontrano con il soul intriso di blues e di gospel del sud degli Stati Uniti.

Negli ultimi due anni Luca Sapio ha suonato sui palchi più importanti d’Europa condividendo la scena con  artisti del calibro di Paul Weller, Trombone Shorty, Lady e tutto il tour Europeo di Sharon Jones & The Dap-Kings.

Ha raccontato le storie più incredibili e oscure del rhythm’n’blues intervistando le leggende della musica afroamericana ai microfoni di RadioRai2 nella sua trasmissione “Latitudine Black”. E’ stato invitato a  rappresentare l’Italia all’Eurosonic Festival di Groningen ed il suo disco  d’esordio “Who Knows” ha raccolto gli elogi della critica di mezzo mondo. «Non si può cantare soul senza aver vissuto il blues» racconta Luca Sapio citando Memphis Slim, e di blues ne ha vissuto parecchio: ha trascorso gran parte della vita lavorando, cantando e viaggiando attraverso gli Stati Uniti, collaborando con artisti di fama internazionale come Eumir Deodato, Tony Scott, David Bianco e Juliette Lewis.

Official Website